PROFILO

L ‘AIIT nasce a Padova nel 1957 e si propone come punto di riferimento e di incontro tra gli esperti del settore e tra tutti coloro che sono interessati ai problemi di mobilità, traffico e trasporti.

L’attività dell’AIIT è finalizzata a:

  • servire e migliorare la mobilità delle persone e delle merci in termini di sicurezza, fluidità e confort, nel rispetto dell’ambiente;
  • promuovere l’impiego delle tecnologie più appropriate all’ingegneria del traffico, delle infrastrutture e dei trasporti;
  • costituirsi come punto di incontro tra gli esperti e tutti coloro che sono interessati ai problemi della mobilità;
  • tutelare e promuovere l’immagine e l’attività degli ingegneri che si occupano di traffico, infrastrutture e trasporti.

A tale scopo, l’AIIT promuove attività culturali, favorisce lo sviluppo di attività di ricerca, formazione ed informazione, individua strategie e piani di intervento per la soluzione dei problemi della mobilità.

Inoltre, l’Associazione vigila sulle proposte formulate e sugli interventi effettuati nel settore da parte degli organismi competenti e promuove azioni a livello politico, legislativo e normativo per il corretto sviluppo della mobilità

Notevole rilevanza assume la possibilità di confrontare le diverse professionalità che l’Associazione propone attraverso le esperienze maturate dai propri soci.

Con il D.M. del Ministro dei Lavori Pubblici del 10 dicembre 1993, si individua nell’AIIT una associazione “di comprovata esperienza nel settore della sicurezza stradale”, secondo quanto previsto dall’art. 230 del Codice della Strada

L’AIIT si articola su tre livelli territoriali:

  1. l’Associazione, a livello nazionale
  2. le Sezioni, a livello regionale od a livello interregionale
  3. i Distretti, a livello provinciale o comunale

Fanno inoltre parte integrante della struttura organizzativa anche:

  •  il Centro Studi e Ricerche AIIT (CSR-AIIT)
  •  i Circoli AIIT.

Tipologie di Soci

Possono associarsi, persone fisiche e giuridiche.

I Soci si distinguono in ORDINARI ed ADERENTI

I SOCI ORDINARI sono coloro che studiano la mobilità delle persone e delle merci e pianificano a diversi livelli, i relativi sistemi di trasporto in termini infrastrutturali e gestionali.

I SOCI ADERENTI INDIVIDUALI sono tutti coloro che svolgono attività professionali nell’interesse generale della mobilità ed i laureati o laureandi in ingegneria con materie di studio attinenti i trasporti, o in architettura con indirizzo urbanistico.

I SOCI ADERENTI COLLETTIVI sono gli enti pubblici e privati non aventi fine di lucro, che si occupano di mobilità, nonchè gli enti di gestione di infrastrutture o sistemi di trasporto.

Le società a scopo di lucro, con provata esperienza nel campo della mobilità possono associarsi come SOCI AFFILIATI.

Struttura organizzativa

Gli organi della Associazione sono:

  • Assemblee Generali e locali dei Soci;
  • Consiglio Direttivo dell’Associazione;
  • Presidente dell’Associazione;
  • Giunte Esecutive delle Sezioni;
  • Segretari di Distretto;
  • Collegio dei Revisori dei Conti;
  • Collegio dei Probiviri.